medicina tattica

Medicina Tattica


La medicina tattica nasce in ambito militare per prestare le prime cure a chi rimaneva vittima di ferita da arma da fuoco in ambienti definito ostili. Tali procedure identificate con il nome di TCCC erano diventate note anche negli ambienti civili e federali, ma per differenza di contesti operativi avevano bisogno di qualche aggiustamento. Per rispondere a questa esigenza si è venuto a creare nel maggio 2011 un gruppo eterogeneo di esperti di primo intervento, il Comitato per l’emergenza tattica di emergenza (C-TECC) che ha creato le linee guida del Tactical Emergency Casual Care (TECC). Le TECC sono un insieme di raccomandazioni sulle migliori pratiche per la gestione degli incidenti durante operazioni di soccorso e tattiche civili ad alto rischio. Basato sui principi di Tactical Combat Casualty Care (TCCC), il modello militare da cui sono nate.

Modellato secondo il Comitato per Tactical Combat Casualty Care, C-TECC è composto da una vasta gamma di tecnici operativi ed accademici, nella pratica della medicina ad alto rischio, compresi i membri di medicina d’urgenza, polizia, vigili del fuoco e la comunità delle operazioni speciali militari.


Il comitato ad oggi è responsabile del mantenimento e dell’aggiornamento delle linee guida TECC, incorporando nuove informazioni e tecnologie e riflettendo i migliori principi di medicina basati sull’evidenza. Il Comitato rimane un’entità civile indipendente ma mantiene una stretta relazione con l’entità militare, proprio per assicurare un continuo e pronto aggiornamento delle linee guida operative.

Gli obiettivi di Tactical Emergency Casualty Care includono:

  • bilanciare la minaccia, il campo di applicazione civile, le differenze nella popolazione civile, i limiti delle attrezzature mediche e le risorse variabili per rispondere alle emergenze atipiche
  • stabilire un quadro che equilibri il rischio: rapporto di beneficio per tutta la risposta medica operativa civile
  • fornire indicazioni sulla gestione medica delle morti evitabili in prossimità o in prossimità del punto di ferimento
  • minimizzare il rischio del fornitore massimizzando il beneficio per il paziente

Le applicazioni delle linee guida TECC per le operazioni di medicina tattica sono di vasta portata, al di là della semplice applicazione tradizionale, in quanto prendono in considerazione quasi tutti gli scenari civili possibili ad alto contenuto di rischio per i soccorritori, come ambienti ostili, atti di terrorismo, incidenti di massa, catastrofi ecc.


Obiettivo Formativo

Il corso di medicina tattica è finalizzato ad insegnare al corsista ad affrontare situazioni ad alto rischio sia in ambiente ostile che in ambito civile, grazie alle più moderne tecniche di medicina tattica e di primo soccorso adottate negli ambienti militari.

Il corso mira quindi a fornire, oltre che alla formazione utile per i crediti formativi ECM, anche delle certificazioni riconosciute in ambito nazionale e su richiesta, con qualche ora di formazione aggiuntiva ed dei test dedicati, anche in ambito internazionale.

 

 

 

 

Requisiti di Accesso

 

Per frequentare il corso non sono previste restrizioni, le restrizioni saranno applicate solo al rilascio di qualifiche abilitanti, che le potranno ricevere solamente coloro che, ad esito positivo di prove pratiche e teoriche hanno determinate qualifiche mediche o di primo soccorso preesistenti

 

 

 

Responsabile Didattico

Il responsabile Didattico di questo corso è De Marchi

 

 

 

 

Programma

L’ambiente pre ospedaliero

  • Il ruolo di FPOS
  • Riduzione al minimo del rischio di infezione
  • Procedure post-incidente

Gestione delle scene

  • Sicurezza
  • Smistamento
  • Meccanismo della ferita
  • Valutazione del paziente
  • Comunicare con i pazienti
  • Indagine e valutazione primaria
  • Movimenti e movimentazione sicuri

Respirazione e gestione delle vie aeree

  • Riconoscimento di problemi respiratori
  • Gestione delle vie aeree di base: vie respiratorie orali, nasali e laringee
  • Soffocamento
  • Uso di aspirazione
  • Amministrazione dell’ossigeno – Sistemi di consegna e SpO 2

Sostegno di base alle funzioni vitali

  • Rianimazione cardiopolmonare – alle attuali linee guida del Regno Unito

Defibrillazione

  • Defibrillazione esterna automatica
  • Ritmi cardiaci normali / anormali

Circolazione e Shock

  • Riconoscimento e cura iniziale dell’emorragia
  • Emorragia catastrofica – compreso l’uso di lacci emostatici e emostatici
  • Shock
    • neurogena
    • cardiogeno
    • ipovolemico
    • Anafilattico
    • Settico

Danno

  • Ossa generale / lesioni alle articolazioni
  • Lesioni alla testa
  • Lesioni spinali e pelviche
  • Lesioni al petto
  • Burns
  • Lesioni agli occhi

Ambiente

  • Colpo di calore e disidratazione
  • Ipotermia

Emergenze mediche correlate

  • Attacco di cuore / angina
  • Diabete
  • Ictus
  • Epilessia
  • Asma – inclusi protocolli remoti aggiuntivi
  • Anafilassi  – inclusi protocolli remoti aggiuntivi
  • Avvelenamento
Docenti

De Marchi

 

 

 

Titolo Finale

Certificato di primo soccorso
Certificato di BLS-D
Crediti formativi ECM

Destinatari

Il corso è diretto a tutti coloro che desiderano farlo

 

 

 

Durata

La durata del corso è di 12 ore e si sviluppa in due giornate

 

 

 

 

Calendario

Anno 2019
Lezione 1 : Sabato 9 febbraio
Lezione 2: Domenica 10 febbraio

 

 

Sede Formativa

Presso tiro a segno nazionale
Via Tiro a Segno 1, 37013 Caprino Veronese VR

 

 

 

 

Prova Finale

L’esame è composto da:

  • Prova in simulazione per la verifica dell’apprendimento delle competenze tecnico-professionali;
  • Test, per la verifica dell’apprendimento delle competenze cognitive.

L’esame si terrà l’ultimo giorno del corso presso la stessa sede

 

 

 

Quota di Partecipazione

La quota di partecipazione è pari a 520 euro iva compresa con la possibilità di sconti in base ad adesioni di gruppo o formule di pagamento anticipato. In caso di committente aziendale scrivere ad amministrazione@sad-international.com per una quotazione dedicata.

 

 

 

 

Modalità di Iscrizione