Il lavoro della Guardia Particolare Giurata

Chi è la GPG

La G.P.G. acronimo di Guardia Particolare Giurata, è la figura della guardia di sicurezza privata, cioè quel professionista chiamato a proteggere, vigilare o custodire le proprietà mobiliari o immobiliari del committente.

La Guardia Giurata svolge la propria attività indossando una divisa, in modalità armata o disarmata e su nomina prefettizia, previo corso di formazione obbligatorio

La Guardia Giurata può essere impiegata negli aeroporti, nelle stazioni, per fornire servizi di sicurezza in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi come nei tribunali e in altri edifici pubblici con speciali esigenze di sicurezza, oltre ad effettuano scorte valori con l’uso di idonei mezzi di servizio.

La GPG di norma ha un lavoro strutturato a turni, per cui è possibile che si lavori di notte e anche nei periodi festivi. Il lavoro è sicuramente identificato tra i lavori a rischio, soprattutto considerando l’ipotesi di intervento in caso di furto o rapina.

In Italia la G.P.G. Armata prevede la detenzione di un’arma con una licenza di porto per difesa personale, rilasciato solamente per esigenze di servizio. La detenzione di armi tuttavia non è una prerogativa automatica di questa figura professionale, che può svolgere il suo lavoro anche non armata.

Le guardie giurate lavorano per conto di istituti di vigilanza privata o aziende con regolare richiesta prefettizia per la salvaguardia dei beni. La GPG non è chiamata a prestare tutela alle persone, incarico riservato solamente agli organi di polizia.

Cosa fa la GPG

La GPG è chiamata a svolgere un servizio di tutela e/o custodia di beni per conto di terzi oltre che a dare supporto alle forze armate in caso di bisogno e su specifica delega.

Le principali responsabilità di una guardia giurata sono:

  • Vigilare le strutture del committente
  • Svolgere servizio di sicurezza in ambienti pubblici a supporto dell’operatore delle Forza Armate
  • Vigilare i luoghi in cui vi è maneggio o transito banconote o oggetti di valore
  • Custodia, trasporto e scorta denaro o oggetti di valore
  • Videosorveglianza
  • Piantonamento
  • Ronde diurne o notturne
  • Ispezioni e sopralluoghi

Come fare la GPG

La GPG è chiamata a svolgere un servizio di tutela e/o custodia di beni per conto di terzi oltre che a dare supporto alle forze armate in caso di bisogno e su specifica delega.

Per ambire ad essere una guardia giurata è sufficiente possedere alcuni requisiti specifici – definiti dall’articolo 138 del T.U.L.P.S. (Testo Unico sulle Leggi di Pubblica Sicurezza)

Si tratta di requisiti psicofisici e attitudinali, a cui vanno aggiunti quelli di natura legale (cittadinanza, obblighi di leva, fedina penale pulita).. Per candidarsi alle offerte di lavoro per GPG è consigliato possedere un attestato che comprovi la formazione obbligatoria di 48 ore (solamente parte teorica come prevista dal D.M. 269/2010).

Avere già l’abilitazione al maneggio delle armi non è un requisito indispensabile, in quanto sarebbe un maneggio per uso sportivo, mentre quello richiesto e rilasciato per l’uso professionale è per difesa personale. Sicuramente se una persona è in possesso da anni del porto d’armi, sarà un valore aggiunto.

Negli ultimi anni diversi istituti di vigilanza privata hanno smesso di organizzano corsi per guardia giurata, per cui cercano di attingere da altri istituti o da persone che si sono formate presso enti formativi specializzati in tale formazione.

Al termine del periodo di formazione il rilascio della qualifica di Guardia Particolare Giurata spetta al Prefetto. Dopo la nomina da parte del Prefetto, si entra nel ruolo prima al fianco di guardie giurate più esperte, per acquisire esperienza, e poi in autonomia.

Come Scegliere

Ci sono molte offerte sul mercato e come tutte le offerte ci sono varie fasce di prezzo.

Come scegliere considerando a volte l’enorme differenza di costi?

Poniamoci solamente alcune domande:

  1. Chi ci offre la formazione è una società di formazione specializzata in questo settore?
  2. L’ente formativo ci offre solamente ciò che chiede la norma o ci inserisce dentro tante altre cose che non sono richieste?
  3. Che tipo di referenze troviamo in merito all’ente formativo?
  4. Che tipo di contratto o accordo formativo firmeremo con l’ente formativo?
  5. Che tipo di garanzie ci offre l’ente sulla validità dell’attestato rilasciato?

Il miglior modo per ottenere delle risposte?

FARE DELLE DOMANDE