Dettagli
Data: 20 Luglio
Luogo: Streaming Room
Telefono: 0287158863

Active Shooter

 

INTRODUZIONE

L’evento informativo è rivolto agli operatori di polizia e a tutti coloro che in qualche modo si trovano a gestire ambienti pubblici con elevata affluenza ed assembramento di persone.

Lo scopo di questa sessione informativa è quello di dare informazioni in merito al tema Active Shooting e all’impatto sociale diretto o indiretto.

Il corso è rivolto solamente ad operatori della forze dell’ordine e operatori di pronto intervento. Sarà quindi necessario dichiarare il reparto di provenienza.

ARGOMENTI

L’argomento di riferimento è “LUI E LA SOCIETÀ”
Verranno fatti dei cenni sulla correlazione tra terrorismo e metodologia AS, poi verranno trattati temi di Safety e Security, prendendo in esame l’importanza della condivisione dei protocolli tra interforze per i First Responder, volontari e civili.
In fine ci saranno cenni sull’impatto psicologico e fisico dell’AS sulla società.

DURATA

2 ore

QUANDO

20 luglio dalle 16.00 alle 18.00

DOVE

Nella nostra piattaforma (Streaming Room)

RELATORE

PAOLO BOFFA – Istruttore di tecniche e tattiche operative, ha annoverato nel tempo svariate collaborazioni di docenza sul tema “Active Shooting” approfondendo l’argomento anche attraverso studi e relazioni internazionali.
In Italia è uno dei promotori della formazione riguardante la Gestione degli Eventi ad Alto Rischio tra Interforze, come quello tenutosi presso il parco tematico di Movieland (VR), nonchè coautore di articoli pubblicati da riviste di settore.

DONAZIONE

24 euro *fai la donazione su gofundme

 

PROGETTO DI RICERCA
Il progetto di ricerca scientifica unico nel suo genere sarà condotto durante alcune esercitazioni che simuleranno eventi
ad alto rischio in ambiente urbano, portando quindi i soggetti coinvolti ad essere mentalmente immersi in
un’esperienza molto realistica, con lo scopo di raccogliere dati e fatti di rilevanza scientifica, utili a creare dei protocolli
di intervento condivisi per migliorare i termini di intervento e mitigare quanto più possibile i rischi correlati.
Durante questa ricerca raccoglieremo dati utili a comprendere:
– quali sono le aree del cervello coinvolte nelle varie fasi decisionali;
– quali sono le procedure di scansione del contesto e del particolare, che l’occhio compie con il fine di raccogliere
informazioni e quindi di attuare delle scelte nei momenti di elevata allerta
– quali sono i fattori fisiologici che si manifestano in concomitanza con le scelte che vengono prese dai soggetti
coinvolti;
– quali sono i criteri di selezione e percezione dei pericoli
– quali sono i fattori di criticità e quali di opportunità percepita dai soggetti

INFORMAZIONI

Per informazioni è possibile contattarci allo 02. 871 588 63 o tramite email a formazione@sad-international.com o compilando il form presente di seguito

PER ISCRIZIONI


Cerca