Istruttore - Livello I

Profilo professionale associato al livello EQF 4, che permette di fare formazione agli operatori di sicurezza pubblica o privata e ai cittadini che usano il DPI per la difesa personale. Tale formazione sarà erogabile sotto la supervisione didattica di un istruttore spv.

Le competenze richieste riguardano:

  • C1 l’aspetto teorico e pratico del funzionamento delle armi in dotazione;
  • C2 la capacità di modificare lo stile dell’insegnamento in base ai discenti;
  • C3 la capacità di sottolineare aspetti teorici durante l’esecuzione pratica;
  • C4 la capacità di utilizzare esempi pratici in linea con il back-ground dei discenti;
  • C5 la capacità di usare esempi pratici durante l’insegnamento di aspetti teorici;

La conoscenza di base richieste sono:

  • K1 giurisprudenza per ciò che riguarda l’uso di armi
  • K2 uso e maneggio tecnico di armi
  • K3 procedure di uso in sicurezza
  • K4 comunicazione finalizzata all’insegnamento
  • K5 primo soccorso relativo a ferite da arma da fuoco
  • K6 aspetti mentali e fisiologici nell’approccio alle armi
  • K7 principi di balistica
  • K8 principi di tiro operativo
  • K9 principi degli inceppamenti
  • K10 principi di fisiologia
  • K11 principi di psicologia dell’insegnamento
  • K12 motivazioni in tiratori di diverso livello
  • K13 formulazione degli obiettivi e classificazione
  • K14 capacità coordinative
  • K15 capacità condizionali
  • K16 apparato neuromotorio


Passaggio da Livello I a Livello II

Istruttore Supervisore - Livello II
Profilo professionale associato al livello EQF 5 che permette di essere responsabile di un progetto formativo e quindi far da supervisore ad un livello base.

Le competenze richieste riguardano:

  • C1 l’aspetto teorico e pratico del funzionamento delle armi in dotazione;
  • C2 la capacità di modificare lo stile dell’insegnamento in base ai discenti;
  • C3 la capacità di sottolineare aspetti teorici durante l’esecuzione pratica;
  • C4 la capacità di utilizzare esempi pratici in linea con il back-ground dei discenti;
  • C5 la capacità di usare esempi pratici durante l’insegnamento di aspetti teorici;
  • C6 relative ai suggerimenti pratici e teorici finalizzati al miglioramento tecnico dell’istruttore;
  • C7 relative alla capacità di comprendere se il tema trattato dall’istruttore è stato appreso dai discenti

La conoscenza di base richieste sono:

  • K1 giurisprudenza per ciò che riguarda l’uso di armi
  • K2 uso e maneggio tecnico di armi
  • K3 procedure di uso in sicurezza
  • K4 comunicazione finalizzata all’insegnamento
  • K5 primo soccorso relativo a ferite da arma da fuoco
  • K6 aspetti mentali e fisiologici nell’approccio alle armi
  • K7 principi di balistica
  • K8 principi di tiro operativo
  • K9 principi degli inceppamenti
  • K10 principi di fisiologia
  • K11 principi di psicologia dell’insegnamento
  • K12 motivazioni in tiratori di diverso livello
  • K13 formulazione degli obiettivi e classificazione
  • K14 capacità coordinative
  • K15 capacità condizionali
  • K16 apparato neuromotorio
  • K17 caratteristiche teoriche e pratiche relative all’arma lunga;
  • K18 caratteristiche teoriche e pratiche relative all’arma corta;
  • K19 approfondimento teorico e pratico del tiro tattico operativo;
  • K20 approfondimento teorico e pratico dei principi di balistica;
  • K21 approfondimento teorico e pratico degli inceppamenti;
  • K22 approfondimento teorico dei fattori fisiologici che incorrono durante l’uso di armi da fuoco;
  • K23 approfondimento teorico e pratico di psicologia
  • K24 approfondimento teorico dell’apparato neuromotorio;
  • K25 strutturazione e pianificazione di un piano di addestramento;
  • K26 principi di audit e di non conformità;
  • K27 principi di problem solving.



Istruttore Supervisore - Livello II

Profilo professionale associato al livello EQF 5 che permette di essere responsabile di un progetto formativo e quindi far da supervisore ad un livello base.

Le competenze richieste riguardano:

  • C1 l’aspetto teorico e pratico del funzionamento delle armi in dotazione;
  • C2 la capacità di modificare lo stile dell’insegnamento in base ai discenti;
  • C3 la capacità di sottolineare aspetti teorici durante l’esecuzione pratica;
  • C4 la capacità di utilizzare esempi pratici in linea con il back-ground dei discenti;
  • C5 la capacità di usare esempi pratici durante l’insegnamento di aspetti teorici;
  • C6 relative ai suggerimenti pratici e teorici finalizzati al miglioramento tecnico dell’istruttore;
  • C7 relative alla capacità di comprendere se il tema trattato dall’istruttore è stato appreso dai discenti;
  • C8 relative alle metodologie in ambito formativo;
  • C9 relative alle metodologie in ambito comunicativo;
  • C10 relative alle capacità relazionali

La conoscenza di base richieste sono:

  • K1 giurisprudenza per ciò che riguarda l’uso di armi
  • K2 uso e maneggio tecnico di armi
  • K3 procedure di uso in sicurezza
  • K4 comunicazione finalizzata all’insegnamento
  • K5 primo soccorso relativo a ferite da arma da fuoco
  • K6 aspetti mentali e fisiologici nell’approccio alle armi
  • K7 principi di balistica
  • K8 principi di tiro operativo
  • K9 principi degli inceppamenti
  • K10 principi di fisiologia
  • K11 principi di psicologia dell’insegnamento
  • K12 motivazioni in tiratori di diverso livello
  • K13 formulazione degli obiettivi e classificazione
  • K14 capacità coordinative
  • K15 capacità condizionali
  • K16 apparato neuromotorio
  • K17 caratteristiche teoriche e pratiche relative all’arma lunga;
  • K18 caratteristiche teoriche e pratiche relative all’arma corta;
  • K19 approfondimento teorico e pratico del tiro tattico operativo;
  • K20 approfondimento teorico e pratico dei principi di balistica;
  • K21 approfondimento teorico e pratico degli inceppamenti;
  • K22 approfondimento teorico dei fattori fisiologici che incorrono durante l’uso di armi da fuoco;
  • K23 approfondimento teorico e pratico di psicologia dell’insegnamento;
  • K24 approfondimento teorico dell’apparato neuromotorio;
  • K25 strutturazione e pianificazione di un piano di addestramento;
  • K26 principi di audit e di non conformità;
  • K27 principi di problem solving
  • K28 metodi di insegnamento e gestione dell’aula;
  • K29 approfondimento pratico sui canali di comunicazione e di apprendimento;
  • K30 approfondimento sui principi di audit e delle non conformità;
  • K31 approfondimenti di team building e leadership;
  • K32 approfondimento dei sistemi di problem solving;
  • K33 stesura e programmazione del processo circolare PDCA